giovedì 11 maggio 2017

La Candela: uno strumento magico

La candela è uno degli strumenti di base per chiunque decida di intraprendere un cammino magico. È uno strumento di facile reperibilità, ma non per questo meno potente, se utilizzato nel modo giusto. Possiamo dire che è un oggetto magico completo, in quanto rappresenta tutti i quattro elementi: La cera si accomuna all’elemento acqua, la fiamma al fuoco, lo stoppino alla terra e l’ossigeno per far scaturire la fiamma all’aria.

CandleInnanzitutto, quali candele scegliere? Quelle che si trovano comunemente in commercio sono prodotte con la paraffina, in mancanza di altro si possono utilizzare, ma per i rituali importanti consiglio di autoprodurre le proprie candele con cere di derivazione naturale, come la cera d’api, stearina vegetale, cera carnauba o cera candelilla. Come mai? Queste materie di origine vegetale, oltre ad essere eco-compatibili con l’ambiente e rispettose nei confronti della Madre Terra, emanano vibrazioni proprie ed un’energia di tipo luminoso. Le api sono da sempre considerate un animale sacro legato al sole, e le piante che producono gli altri tipi di cera si nutrono della luce solare per sopravvivere. Inoltre, producendo le nostre candele, avremo la possibilità di deciderne il colore adatto, aggiungere l’essenza che più si accomuna al nostro rituale, aggiungere erbe e spezie al composto, e, ultimo ma non meno importante, possiamo infondere la nostra energia durante tutte le fasi di produzione. In questo modo la candela non è più un suppellettile da usare durante il rituale, ma un vero e proprio strumento che canalizzerà l’energia nella direzione giusta.

Tuttavia, non è sempre possibile realizzare le proprie candele, poichè il procedimento richiede comunque una spesa in tempo e denaro; in questo caso si possono acquistare candele di origine vegetale.
Un accorgimento importante, in questo caso, dato che non si sa con quali energie possano essere entrate in contatto le candele che acquistiamo, è purificarle attraverso l’uso degli oli e degli incensi.

Le candele possono essere colorate di tinte diverse, ogni colore emana un certo tipo di vibrazione che andrà ad influenzare la canalizzazione dell’energia nel nostro rituale, bisogna pertanto scegliere in maniera accurata.
La scelta del colore in base all’influenza che hanno sul nostro corpo (e quindi sulla funzione del rituale), ci è nota fin dai tempi antichi. Gli antichi Egizi usavano dipingere le pareti dei luoghi di cura e dei templi con colori ben selezionati, ogni colore aveva una precisa vibrazione e relativo potenziale magico, dove per magia intendiamo l’energia originaria, l’energia dell’universo, la scintilla che ha creato tutto. Ad esempio, il giallo è il colore solare per eccellenza, associato a divinità maschili e all’immortalità, il blu è il colore della fertilità, insieme al nero, colore corrispondente alla notte e alla morte, ma anche alla fecondità a causa dell’associazione con il limo fluviale del Nilo, una sostanza di colore scuro che rendeva fertili e coltivabili i terreni, il rosso, invece, era il colore del sangue, della morte, ma anche della collera e della vittoria in guerra. Gli egizi, dopo aver vinto una battaglia, si dipingevano il corpo con l’ocra rossa e si adornavano con gioielli di corniola, una pietra color rosso scuro.
I Greci, invece, associavano i colori ai quattro elementi (Aria, fuoco, acqua e terra) e quest’ultimi ai quattro “umori” o fluidi del corpo (il sangue, rosso, la bile, gialla, il flegma, bianco, e la bile nera), generati a loro volta dai quattro organi principali (Milza, cuore, fegato e cervello). L’equilibrio di tutti questi elementi corrispondeva alla salute, lo squilibrio alla malattia, e la malattia si curava anche utilizzando i colori corrispondenti.
In India, la tradizione Ayurvedica ha sempre associato i colori ai nostri centri di energia sottile: i Chakra. I colori venivano utilizzati sia per curare le malattie, sia per una motivazione spirituale.

Vediamo ora quindi come i colori delle candele, e le loro vibrazioni,  influenzano il nostro spirito e la nostra mente:

CANDELA NERA

Candela nera


La più evocativa di tutte, contrariamente a quello che può pensare una persona non avvezza alla magia, il nero non ha per nulla una connotazione negativa o malefica.
Anzi, la candela nera è consigliata in tutti i tipi di rituale in quanto il nero assorbe tutte le vibrazioni negative, è quindi un colore protettivo, che fa da schermo e rimanda le energie nefaste al mittente. È un colore che nasconde, assorbe, può essere utilizzato per scoprire cose nascoste. Il nero contiene tutti i colori dello spettro, li assorbe ed è quindi il colore più potente ed, allo stesso tempo, il più versatile. Nei rituali di distruzione, infonde un logoramento lento piuttosto che un attacco veloce. Viene utilizzato per portare discordia e confusione nel nemico.
È il colore legato a Saturno, è quindi buona abitudine utilizzarlo di sabato, nel giorno al Dio dedicato, altrimenti in luna calante.
Il nero rappresenta anche il Nigredo alchemico, la pietra filosofale in grado di trasformare la materia, è quindi un ottimo colore per i nuovi inizi. È il colore adatto alla comunicazione con il mondo degli spiriti e delle entità.

Elemento: Terra.
Segno Zodiacale: Capricorno.
Pianeta: Saturno.
Chakra: Muladhara, Basale.
Giorno della settimana: Sabato.

CANDELA BIANCA

Candela Bianca


Il bianco viene, solitamente, associato alla purezza ed alla bontà, infatti è il colore degli abiti delle monache e delle spose vergini, ma in molte culture viene associato alla morte.
Rappresenta l’Albedo in alchimia, la fase successiva al Nigredo nella Grande Opera, la fase in cui si pulisce la massa informe e nera, lavandone le impurità. In chimica si può paragonare alla distillazione e quindi, spiritualmente parlando, una metafora per l’anima che si libera del proprio involucro di carne, purificandosi.
Il bianco è formato da tutti i colori dello spettro, li riflette e con essi riflette tutte le loro energie, espandendole. Può essere utilizzato quindi come colore che amplifica le energie che vogliamo utilizzare.

Elemento: Etere.
Segno Zodiacale: Acquario .
Pianeta: Luna.
Chakra: Ajna, Sesto chakra, il terzo occhio.
Giorno della settimana: Lunedì.


CANDELA ROSSA

Candela rossa

Il rosso è il colore del sangue, è il primo colore mai usato dall’uomo per dipingere, veniva utilizzato per cospargere il volto dei morti, come per dare loro nuovamente un colorito sano e vitale, ma anche per dipingersi il corpo con pitture di guerra.
È un colore ambivalente, ricorda la vita, le fiamme, viene associato a molte divinità, ma anche al sangue, alla guerra, alla morte.
Secondo la tradizione cristiana, il rosso è un colore malefico, associato alla Dea Lilith, la “prostituta di Babilonia” (non a caso è ancora viva la concezione che il rosso sia il colore delle prostitute e della seduzione), al diavolo, animali col pelo rosso come le volpi o donne con i capelli rossi erano considerati maligni.
In alchimia è il “Rubedo”, l’ultima fase della trasformazione nella Grande Opera. Se la Nigredo rappresenta la putrefazione e l’Albedo la distillazione, la Rubedo rappresenta la sublimazione della materia attraverso lo spirito. È il colore intermedio tra bianco e nero, per cui rappresenta l’unione degli opposti.
In magia il rosso è il colore dell’amore e della passione, forse perché nella concezione classica è il colore legato all’eros.
È senza dubbio un colore che porta all’amplificazione ed all’espansione della nostra energia, andando ad agire sull’impulso e sulla forza, può essere quindi utilizzato per potenziare i nostri rituali.
Nei rituali di magia, in base alla saturazione del colore scelto, sarà possibile attribuirgli un determinato potere; il rosso chiaro e vivo è attribuito alla carnalità, alla forza ed al vigore del sangue, passione e seduzione, mentre il rosso scuro viene utilizzato maggiormente per rituali di magia nera per sortire un effetto di forte impatto e veloce.

Elemento: Fuoco.
Segno Zodiacale: Chiaro - Ariete, Scuro - Scorpione.
Pianeta: Marte.
Chakra: Muladhara, Basale.
Giorno della settimana: Martedì.

CANDELA BLU

candela blu


Il blu è un colore da sempre usato in magia, a causa del suo alto potenziale spirituale. È l’esatta contrapposizione del rosso (maschile), il blu è la rappresentazione del femmile magico, rappresenta l’acqua, l’energia che viene assorbita dall’esterno verso l’interno e trattenuta.
Favorisce la comunicazione, la guarigione, la pace. La sua energia stimola l’attività dello spirito, la creatività, l’ispirazione, la calma e la pazienza, è il colore dell’infinito del cielo terso e delle vaste profondità marine. Viene utilizzato in moltissime rappresentazioni divine, come il colore della pelle di Krishna o il mantello del Dio Odino.
Gli amuleti della tradizione assiro-babilonese sono spesso forgiati con dei lapislazuli, poichè la pietra blu, attraendo e assorbendo appunto, devierebbe le energie negative dalla persona, risucchiandole dentro di sè. 
Allo stesso modo, in magia, può essere utilizzato per attirare energie che ci interessano, come fortuna o amore, o annullare gli effetti del malocchio e delle malattie.
Le candele Blu sono usate nei rituali per allontanare ogni forma di male, per invocare fortuna, e per curare le malattie.

Elemento: Acqua.
Segno Zodiacale: Pesci.
Pianeta: Giove.
Chakra: Vishuddah, il quinto chakra.
Giorno della settimana: Giovedì.


CANDELA GIALLA / ORO

candela gialla oro


Il giallo governa tutto ciò che riguarda la mente ed il cervello, aiuta nel migliorare la concentrazione, nello studio, nella comunicazione, nella creatività e tutte le attività legate all’emisfero sinistro del cervello. È un colore da sempre legato al sole e quindi alla divinità maschile, simbolo di illuminazione e di conoscenza.
Le sue vibrazioni possono amplificare la nostra capacità di compiere viaggi astrali (abbinato al viola). Nei rituali di magia nera il giallo rappresenta la malattia, l’infedeltà, la poca costanza e la follìa. Il colore giallo lavora sul chakra della gola e del chakra solare, rispettivamente per lavori riguardanti la conoscenza o la forza di volontà. È il colore dello zolfo e quindi è legato al Dio Mercurio. 
In alchimia, rappresenta la fase Citrinitas, la fase della guarigione e del consolidamento, la vera e propria combustione fino ad arrivare all’incandescenza e quindi alla trasformazione della materia.
Utilizzando una candela dorata, andremo ad amplificare alcuni lati legati al divino del giallo, è un colore adatto alla comunicazione con gli dei.

Elemento: Aria.
Segno Zodiacale: Gemelli.
Pianeta: Mercurio.
Chakra: Manipura, il terzo chakra.
Giorno della settimana: Mercoledì.

CANDELA VIOLA

candela viola


Il viola è un colore molto potente, rispecchia il misticismo ed è la pura essenza della magia. Si utilizza per amplificare le nostre capacità psichiche, la nostra saggezza, nelle meditazioni, per entrare in contatto con il mondo degli spiriti ed il nostro sè superiore.
È un colore che attinge energia dal nostro terzo occhio, il sesto chakra. Tutte le operazioni con il colore viola hanno più probabilità di successo se effettuate durante la luna piena.
Cromaticamente parlando, il viola deriva dal mescolamento del blu (femminile e attrazione) e del rosso (maschile, potenza), in alchimia quindi rappresenta l’unione degli opposti, l’androgino.
Nella magia nera il viola causa abuso, potere estremo, tirannia, tristezza e perfidia. 

Elemento: Fuoco.
Segno Zodiacale: Saggitario.
Pianeta: Luna - Giove.
Chakra: Ajna, il sesto chakra, il terzo occhio.
Giorno della settimana: Lunedì - Giovedì


CANDELA VERDE

candela verde


Il colore verde è formato dall’unione tra il giallo (sole, oro) ed il blu (attrazione), è quindi il colore adatto per essere utilizzato in tutti quei rituali per ottenere fortuna e prosperità. È anche il colore della vegetazione, insieme al marrone viene adoperato per incantesimi di magia verde e per comunicare con gli spiriti della natura. Le piante divengono verdi, germogliando dopo la morte apparente dell’inverno; in alcuni testi alchemici, questo passaggio si chiama “Viriditas” ed è successivo alla “Nigredo”. Simboleggia la rinascita, il germogliare.
Il verde si usa negli incantesimi di crescita, guarigione, attrazione e sucesso. Mentre il rosso influenza la sfera amorosa “passionale”, il verde influenza il lato pratico della relazione, la fedeltà, l’equilibrio.
Si usa in magia nera per causare malattia, avidità e gelosia.
È il colore che governa il chakra del cuore e tutte le energie di guarigione, legato al pianeta Venere, è quindi consigliato di utilizzarlo di venerdì.

Elemento: Terra.
Segno Zodiacale: Toro.
Pianeta: Venere.
Chakra: Anahata, il quarto chakra, il chakra del cuore.
Giorno della settimana: Venerdì.


CANDELA ARANCIONE

candela arancione


L’arancione è un colore formato dal giallo (mente) e dal rosso (spirito), per questo è il colore adatto alla comunicazione spirituale, la vibrazione di questo colore rende tangibili i messaggi e le nostre emozioni. Questo colore aiuta la nostra creatività a prendere forma e divenire materia, traduce le nostre ispirazioni in prodotti tangibili e fa lo stesso con le nostre emozioni. È giusto quindi adoperarlo nei processi creativi e per migliorare la nostra sessualità.
Ci dona entusiasmo, gioia di vivere ed energia vitale, attira la fortuna dandoci modo di tradurre in azioni le nostre volontà. Può essere utilizzato anche per scaturire lussuria e piacere sessuale in altre persone.

Elemento: Fuoco.
Segno Zodiacale: Leone.
Pianeta: Sole.
Chakra: Svadhisthana, il secondo chakra.
Giorno della settimana: Domenica.

CANDELA MARRONE:

candela marrone


È il colore che più rappresenta la terra, quindi il corpo fisico, tutto ciò che è legato al mondo terreno.
È un colore formato dal rosso, giallo e blu, di conseguenza contiene dentro di sè mente, corpo e spirito; il nostro fisico per intero.
È un colore perfetto per comunicare con gli spiriti della terra e della foresta (insieme al verde), per lavorare con la natura e per agire magicamente cercando la stabilità e la solidità; adatto a chi vuole avere i piedi per terra.
Legandoci di più al nostro corpo fisico ed al nostro lato più terreno però, andremo ad alimentare meno il nostro lato spirituale, è quindi un colore da usare solo in certi casi e abbinato comunque ad altri colori. Può essere usato in magia nera per provocare tristezza. Nel contempo, neutralizza le forze malevole ed è un colore legato ai beni materiali.

Elemento: Terra.
Segno Zodiacale: Vergine.
Pianeta: Mercurio.
Chakra: Chakra dei Piedi.
Giorno della settimana: Mercoledì.



CANDELA GRIGIA / ARGENTO

candela grigia


È un colore difficile da usare in quanto ha le stesse caratteristiche del bianco e del nero, contenendoli entrambi, è un colore limite.
Rappresenta l’unione degli opposti, visibile ed invisibile, materia e spirito, luce ed ombra, è il colore degli spiriti che stanno tra la vita e la morte. Ha delle vibrazioni mutevoli, per questo è un colore instabile da utilizzare. Si usa in magia nera per instillare caos e malattia nell’altra persona. 
Se si vogliono usare i lati positivi del grigio, è utile accendere della candele color argento. Esso ha le stesse caratteristiche del grigio, ma risplende nell’oscurità, aiuterà quindi, attraverso le sfide, la malattia, l’indecisione, ad ottenere quello che vogliamo.
È come uno specchio, riflette quindi quello che siamo veramente e ci costringe ad affrontarci; fa lo stesso con gli altri colori, raddoppiando il loro potere, e riflette al mittente le energie malevole.

Elemento: Acqua.
Segno Zodiacale: Cancro.
Pianeta: Luna.
Chakra: Visuddah, il quinto chakra.
Giorno della settimana: Lunedì.



Unornya

Nessun commento:

Posta un commento